Il Denaro
 home  imprese & mercati  politica & istituzioni  professioni & formazione  d-finanziamenti  eventi
denarotv il direttore commenti sanità futura cultura sudsidiario lavoro immobiliare formazione newsletter acquista online
 
facebook twitterlinked in ok notizie friendfeedbookmark on delicious
il quotidiano
Prima pagina
Agenda eventi
News
Commenti
Imprese & Mercati
politica & istituzioni
professioni & formazione
Primo piano

inserti
Soldi & Imprese
Agrimed
I racconti di Piero Formica
Scaffale
Enti Locali & Cittadini
Turismo & Viaggi
Il Denaro Diplomatico
Moda & Affari
Il Sudsidiario
Sanità
Cultura
Futura
La Borsa Immobiliare
Liberare la società

riviste
Den
Gazzetta forense

rubriche
Fotogallery
Intraprendenti
Oroscopo finanziario
Meteo
Spaghetti Style
Salute & prevenzione
Concorso Talenti
Racconti
Cinema
Cartellone
Rassegna stampa on-line

speciali
Osservatorio di Gazzetta Forense
Le Vie del Vino
Convegno Giovani Confindustria 2010
Convegno sul Turismo Confindustria Napoli
TechnologyBiz 2010
Congresso nazionale Odcec
Unione Industriali
Dossier BPM
Dirigenti Campania
Premio l'Altra Italia
Aziende Ospedaliere
Napoli incontra Kagoshima
Meeting Rimini 2010
Api Napoli
Confcommercio Campania
Global Compact
Aiesec
Claai
Camera di commercio Napoli
Meeting eccellenze
menti@contatto
Piano Casa
Aziende sanitarie locali
Politiche e servizi sociali
Aziende
Convention CCIE
Premio Ischia
Assemblea Confindustria
imprese banche e istituzioni
Speciale 2010
Confidi
Harmont & Blaine
Intraprendenti
Vertis Sgr
Nusco

Politica, economia, finanza e attualità in diretta web

E Italia

News
Condividi/invia/aggiungi ai preferiti Condividi
28-05-2010

ambiente

Falde acquifere contaminate

Il disastro ambientale raggiungerà l'apice nel 2064

Rifiuti speciali e fanghi pericolosi, a cui si aggiungono quelli non speciali e i solidi urbani, sversati per 23 anni nei terreni a Nord di Napoli anche dopo il sequestro dell'area nel 2004 e in totale assenza di misure di contenimento e di preservazione per l'ambiente. A sostenerlo è il geologo Giovanni Balestri in una relazione consegnata alla DDA di Napoli e di cui riferisce oggi 'Il Mattino' di Napoli. Un disastro che ha provocato, tra l'altro, l'avvelenamento della falda acquifera sottostante, nella quale sono state rilevate sostanze cancerogene. Una contaminazione che si estende oltre i profili provinciali e che mette in serio rischio la popolazione che utilizza i pozzi, anche per usi alimentari, e le parecchie attività agricole e zootecniche che usano l'acqua per l'irrigazione dei campi e il beveraggio degli animali. I dati stilati da Balestri evidenziano che la contaminazione potrebbe arrivare anche alla rete idrica superficiale idrica dei Regi Lagni. Per l'esperto si tratta di "un disastro ambientale che mostrerà tutta la sua virulenza sull'uomo tra 79 anni, nel 2064". Infatti tanto impiegherà il percolato, non arginato da alcuna forma di contenimento e mai smaltito, ad attraversare il tufo sottostante per poi manifestarsi. Nell'ex area Resit sarebbero state sotterrate 314 mila tonnellate di rifiuti speciali, 160.500 di rifiuti speciali non pericolosi e 305mila tonnellate di rifiuti solidi urbani. Lo sversamento delle sostanze sarebbe avvenuto fino al 2008, quindi anche dopo il suo sequestro, avvenuto nel 2004. In sostanza, le rilevazioni di Balestri confermano le dichiarazioni rese del collaboratore di giustizia Gaetano Vassallo che individuano tra i responsabili dello scempio ambientale anche i suoi fratelli, l'avvocato Cipriano Chianese della Resit e chi autorizzò l'utilizzo di quei terreni. Il dossier di Balestri - si riferisce - è stato oggetto di discussione nel corso di un vertice al dipartimento nazionale di protezione civile al quale hanno preso parte l'assessore all'Ambiente della Regione Campania Giovanni Romano, il dg del ministero dell'Ambiente, Marco Lupo e il commissario alle bonifiche Mario De Biase. Vista la gravità della situazione, per il risanamento dell'area ex Resit sono stati stanziati "ad horas" 50 milioni di euro.


num. - pag.
 

Clicca per ritornare alla pagina precedente torna indietro






Google




Guarda Denaro Tv
Dtv - denaro.it

Gazzetta Forense

Italian Cri