Il Denaro
 home  imprese & mercati  politica & istituzioni  professioni & formazione  d-finanziamenti  eventi
denarotv il direttore commenti sanità futura cultura sudsidiario lavoro immobiliare formazione newsletter acquista online
 
facebook twitterlinked in ok notizie friendfeedbookmark on delicious
il quotidiano
Prima pagina
Agenda eventi
News
Commenti
Imprese & Mercati
politica & istituzioni
professioni & formazione
Primo piano

inserti
Soldi & Imprese
Agrimed
I racconti di Piero Formica
Scaffale
Enti Locali & Cittadini
Turismo & Viaggi
Il Denaro Diplomatico
Moda & Affari
Il Sudsidiario
Sanità
Cultura
Futura
La Borsa Immobiliare
Liberare la società

riviste
Den
Gazzetta forense

rubriche
Fotogallery
Intraprendenti
Oroscopo finanziario
Meteo
Spaghetti Style
Salute & prevenzione
Concorso Talenti
Racconti
Cinema
Cartellone
Rassegna stampa on-line

speciali
Osservatorio di Gazzetta Forense
Le Vie del Vino
Convegno Giovani Confindustria 2010
Convegno sul Turismo Confindustria Napoli
TechnologyBiz 2010
Congresso nazionale Odcec
Unione Industriali
Dossier BPM
Dirigenti Campania
Premio l'Altra Italia
Aziende Ospedaliere
Napoli incontra Kagoshima
Meeting Rimini 2010
Api Napoli
Confcommercio Campania
Global Compact
Aiesec
Claai
Camera di commercio Napoli
Meeting eccellenze
menti@contatto
Piano Casa
Aziende sanitarie locali
Politiche e servizi sociali
Aziende
Convention CCIE
Premio Ischia
Assemblea Confindustria
imprese banche e istituzioni
Speciale 2010
Confidi
Harmont & Blaine
Intraprendenti
Vertis Sgr
Nusco

Politica, economia, finanza e attualità in diretta web

E Italia

Avellino
Condividi/invia/aggiungi ai preferiti Condividi
04-03-2009

ricerca

Ospedale Moscati, microonde contro le lesioni cancerose


Una nuova tecnica mininvasiva denominata "ablazione a microonde" è stata introdotta presso l'Unità Fegato dell'Azienda Ospedaliera "San Giuseppe Moscati" di Avellino. Il suo utilizzo, già sperimentato con successo a partire dallo scorso mese su tre pazienti non operabili per metastasi epatiche, permette di rimuovere i tumori al fegato con estrema precisione, grazie al calore generato da un elettrodo (il funzionamento è simile a quello dei forni a microonde utilizzati in cucina per cuocere gli alimenti). Tale procedura, recentemente avviata in alcuni centri italiani, rappresenta una valida e più efficace alternativa alla termoablazione in radiofrequenza, già praticata presso l'Unità Fegato del "Moscati" da oltre un decennio. "La particolarità dei tre interventi finora effettuati al "Moscati" – spiega Salvatore D'Angelo, direttore dell'Unità Fegato – è consistita nell'utilizzare l'energia prodotta dalle microonde per agire sui vasi che irroravano la zona sede delle lesioni tumorali come una sorta di embolizzazione parenchimale, in altri termini inducendo un infarto del tessuto tumorale". I potenziali candidati a interventi di ablazione a microonde sono pazienti con tumori primitivi (epatocarcinomi, colangiocarcinomi) o secondari (metastasi a partenza da altri distretti) giudicati non operabili chirurgicamente perché a rischio di insufficienza epatica severa. La nuova procedura va ad affiancare le terapie mediche oncologiche classiche, migliorandone i risultati. "Le caratteristiche delle lesioni tumorali trattabili con le microonde – aggiunge D'Angelo – sono diverse rispetto alle tecniche di ablazione tradizionale: in particolare, si possono aggredire anche lesioni di maggiori dimensioni (6-8 cm) in un'unica seduta".

m.d.a


num. 042 - pag. 30
 

Clicca per ritornare alla pagina precedente torna indietro






Google




Guarda Denaro Tv
Dtv - denaro.it

Gazzetta Forense

Italian Cri